Dominio SEO: meglio il dominio di secondo o terzo livello?

Dominio di primo o secondo livello per la SEO?

Se ti stai domandando se in ottica SEO, Search Engine Optimization, sia meglio un dominio di secondo o terzo livello o se la scelta del dominio sia indifferente, qui troverai la mia risposta.

Cos’è dominio?

Il dominio è il nome del sito web, ad esempio in www.in-vidia.it sono presenti sia un dominio di primo livello, il “.it” è il dominio (o nome a dominio) di primo livello, “in-vidia” è invece il dominio di secondo livello.

Quindi www.in-vidia.it va letto come dominio di secondo livello perchè è definito dal dominio di livello maggiore tra quelli di cui è composto.

Un dominio di terzo livello sarebbe invece del tipo www.in-vidia.blog.it dove “it” è sempre il dominio di primo livello (in questo caso definisce il paese Italia), “blog” è il dominio di secondo livello, infine “in-vidia” in questo caso è il dominio di terzo livello.

Dominio di secondo o terzo livello per la SEO.

Per la SEO è meglio il dominio di secondo livello se la profondità del sito raggiunge livelli importanti (oltre la quarta/quinta ramificazione).

Il motivo è semplice ma non banale. Google e gli altri motori di ricerca hanno a disposizione un tot di kb da scaricare per analizzare il nostro sito web. Leggere www.in-vidia.domenico-basile.it comporta un download più oneroso per il motore di ricerca rispetto ad un dominio del tipo “www.in-vidia.it” o addirittura “in-vidia.it”.

Ma può il tempo di lettura del dominio da parte dei motori di ricerca influenzare realmente la SEO? Si.

Questo perchè ogni elemento del sito, che siano immagini, gif, video, pagina, articolo o altro contenuto, una volta caricato sul CMS (Content Management Sistem) acquisisce un indirizzo composto dal nome del sito, dal percorso di cartelle in cui risiede il file (ad esempio) di tipo immagine, e infine dal nome dell’immagine stessa “domenico.basile.jpg”.

Si va a comporre potenzialmente qualcosa del genere: “www.in-vidia.domenico-basile.it/media/redattori/domenico.basile.jpg”. Immagina ciò ripetuta per tutte le immagini ed in generale dei contenuti di un sito, questo può comportare come detto sopra uno spreco di banda per la scansione dei crowler dei motori di ricerca e comunque un appesentamento del sito rallentando il caricamento dello stesso dal browser.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *